Trova la tua cantina o il tuo vigneto

1 Cantine e Vigneti in vendita in Salta

Hotel boutique in vendita in Salta, Argentina.
Hotel boutique in vendita in Salta, Argentina.

Hotel boutique nella regione vinicola di Salta, nell'Argentina.

Su richiesta
RMGV4106
Contatto

Infografica della Denominazione di Origine

DO Salta
  • Numero di cantine (2017):

    40

  • Superficie totale:

    3.365 ha8.315 ac

  • Livello d'altezza dei vigneti:

    Min: 1.530m

    Max: 3.111m

    Min: 5.020ft

    Max: 10.207ft

  • Temperatura:

    Media: 15º59°F

  • Precipitazioni annuali:

    203 l/m22.185 l/ft2

Salta

La più alta densità di abitanti si trova nella città di Salta; tuttavia, la capitale del vino della provincia di Salta è Cafayate, nel sud-ovest della provincia. È il centro di riferimento dell’industria vinicola del nord, concentrando il 75% dei vigneti di Salta e il 60% della superficie totale coltivata nelle Valli di Calchaquí. Cafayate è circondata da montagne su tutti i lati, dalle cime più aguzze ai monti multicolori o rossi dove i cactus caratterizzano il paesaggio. Le Valli di Calchaquí formano le catene montuose a ovest di Salta dove si coltivano i vigneti.

A Salta nasce la versione argentina della musica delle Ande. La cultura nativa è molto presente in quest’area ricca di spiritualità e di grandi leggende. Salta è conosciuta come la “slow Argentina” (lenta Argentina), dove il tempo passa più lentamente che nel resto del paese. La cultura locale Diaguita è ancora presente nei dialetti e nelle lingue antiche come il quechua o l’aymara. È nota anche la presenza di religioni indigene come quelle che venerano la famosa pachamama.

STORIA DEL VINO

Gli Inca arrivarono a Salta dal Perù nel 1480 e i conquistatori spagnoli nel 1535. Per decenni combatterono e ciò portò all’origine della parola “calchaquí”: calcha (ribelle) e quí (il più) ... “le valli dei più ribelli”. Così, la maggior parte dei nomi delle città, come Cafayate, Cachi, Anastaco e Guachapas, sono più indigeni che spagnoli.

In occasione del secondo viaggio di Cristoforo Colombo in America, nel 1493, furono portate le prime talee di viti per introdurre la coltivazione dell’uva. E così, nel 1522, fu emanata un’ordinanza della Corona Spagnola che stabiliva che tutte le navi dirette verso il Nuovo Mondo dovessero trasportare piante di vite. Già nel 1524 Hernan Cortés ordinò l’impianto di vigneti negli altipiani del Messico; nel 1536 furono introdotte le prime viti nel continente sudamericano da fra Bartolomé. Le portò a Cuzco, in Perù, mentre Hernando de Montenegro le avrebbe trasferite a Lima. Iniziò così l’espansione della coltivazione che si diffuse nel nord e nel centro del Cile e attraverso le Valli di Calchaquí nel nord dell’Argentina, anche se con alterne fortune su ogni versante delle Ande.

La provincia di Salta si dedicava quasi esclusivamente all’allevamento del bestiame e allo sfruttamento del nitrato, che veniva poi venduto come fertilizzante. Dopo l’arrivo dei missionari gesuiti nel XVIII secolo, cominciò l’introduzione della viticoltura così come è conosciuta oggi. Alcuni di questi primi vitigni provenivano dalle Isole Canarie. A questo punto è doveroso menzionare il lavoro di José Alazraqui che, in collaborazione con un altro professionista accreditato come Miguel Urtado, è stato una delle figure pioniere nell’industrializzazione della produzione vinicola della provincia di Salta.

La provincia di Salta ha avuto uno sviluppo economico maggiore rispetto ad altre province data la sua vicinanza al Perù e alle miniere d’argento di Potosí. Questo privilegio cambiò nel 1882, quando fu inaugurata la tratta ferroviaria Mendoza-Buenos Aires.

VINI E CANTINE

Gran parte della produzione vinicola della provincia di Salta si trova nella zona delle Valli di Calchaquí, situate a ovest della città di Salta. In queste valli si coltiva preferibilmente la varietà Torrontés, a cui vanno aggiunte altre varietà come Malbec, Cabernet-Sauvignon, Chenin e Chardonnay. La città di Cafayate è quella che concentra la più grande produzione di vigneti della provincia. La seguono le città di San Carlos e Santa María, quest’ultima situata nella vicina provincia di Catamarca.

I gesuiti introdussero la varietà Torrontés, precedentemente menzionata, che ebbe il suo punto di partenza argentino nella cantina Etchart, fondata nel 1850 nella città di Cafayate e che oggi appartiene al consorzio internazionale Pernot Ricard. I proprietari delle cantine Etchart fondarono in seguito, insieme all’enologo francese Michel Rolland, la cantina San Pedro de Yacochuya, situata a più di duemila metri di altitudine. Un’altra delle cantine storiche della città di Cafayate è Michel Torino, a cui si aggiungono altre aziende vinicole come Bodega Colomé, fondata nel 1831 e di proprietà di Donald e Ursula Hess, Dominio Hermanos, Finca Quara di Felix Lavaque, Finca Las Nubes di José Luis Mounier o le cantine Tilia, Alamos y Críos. La cantina El Esteco, a Cafayate, si occupa della produzione di vini biologici. In alcuni piccoli centri della provincia di Salta è possibile ancora oggi trovare cantine che producono su piccola scala vini artigianali.

PUNTI DI INTERESSE

Arrivando a Cafayate, il turista scopre una città-villaggio con tinte coloniali e indigene che convivono in armonia. Spiccano il vecchio villaggio di Molinos, risalente al XVII secolo, con le sue case di adobe (mattone crudo) e fango e la sua riserva di vigogne, e il lussuoso hotel Patios de Cafayate, in stile coloniale e totalmente ristrutturato. Le cantine più importanti si trovano a 10 minuti da Cafayate.

Alcune delle cantine situate nelle valli di Calchaquí offrono visite guidate, ma il turista desideroso di conoscere più da vicino i vini prodotti nella provincia di Salta ha a disposizione un’interessante Strada del Vino, un circuito di circa 200 km in cui può apprezzare paesaggi di grande interesse come le Quebradas de la Flecha o Las Conchas, così come il Museo della Vite e del Vino, nella città di Cafayate.

Un’altra attrazione in questa zona della provincia di Salta è il Parco Nazionale Los Cardones, che offre ai visitatori la possibilità di vedere alcuni spettacolari e centenari cactus di grandi dimensioni. Altri parchi nazionali che concentrano un alto numero di visite sono El Rey e Baritú. La città di Cafayate celebra ogni ottobre il cosiddetto Torrontés National Wine Festival (Festival Nazionale del Vino Torrontés), in cui la gastronomia (l’asado è il re indiscusso) e la cultura gaucho sono i coprotagonisti.

D.O./Valle (regioni vinicole)

Scopri altre cantine e vigneti in vendita in queste regioni vinicole in Argentina

Rimontgó Bodegas

Rimontgó Bodegas

La Rimontgó Bodegas vanta oltre un decennio di esperienza nella vendita di cantine in Spagna e dispone di un piccolo ma completo team di esperti tra cui un enologo, un ingegnere agricolo, persone formate nella gestione di cantine e manager di esportazione di grandi gruppi vitivinicoli, tutti con una preziosa esperienza nella vendita di aziende vinicole, come pure nell’analisi e nella valutazione di terreni, vigneti, impianti e macchinari, nelle tecniche di vinificazione e, infine, nella commercializzazione a livello nazionale o nell’esportazione dei vini.

La Rimontgó Bodegas fa parte della Rimontgó, un’azienda a conduzione familiare fondata nel 1959 a Jávea, specializzata nell’offerta di servizi immobiliari di qualità a clienti di tutto il mondo. Vanta la migliore selezione di immobili di lusso in vendita, principalmente a Valencia e sulla Costa Blanca, così come altre attività di investimento nelle principali città della Spagna.

Con un marcato carattere internazionale sia in termini di clientela che per la sua portata, la Rimontgó ha una reputazione rinomata nel suo settore. Rimontgó è riconosciuta dai suoi clienti e dai suoi colleghi come un’azienda rispettabile e professionale, con comprovati principi etici da oltre 60 anni, il che fa della sua esperienza e della sua dedizione al cliente la base di un servizio eccellente.

Vedi più

Toccare la mappa per attivare lo zoom

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere notizie su cantine e vigneti.

Inserisci la tua email